c’era una volta uno specchio nella stanza.

[…] L’ importante è che non mentiate a voi stesso. Chi mente a se stesso e ascolta la propria menzogna arriva al punto di non saper più distinguere la verità, nè in sè, nè intorno a sè, e cominca a perdere la stima di sè e degli altri. Non rispettando più nessuno, cessa di amare, e così, privo di amore, per trovare qualcosa che lo tenga occupato e distratto, si abbandona alle passioni e ai piacere grossolani, e si spinge nei suoi vizi fino alla bestialità, e tutto per le continue menzogne che racconta agli altri e a se stesso.
Chi mente a se stesso è anche il più suscettibile alle offese

Continua a leggere …

crescere

( la canzone da ascoltare per sto post è sopra, as usual ) Sembra quasi ieri quando mamma Enza mi veniva a prendere. Era una giornata infinita, passavo dal divertimento con nani che conoscevo giorno[…]

Continua a leggere …

Il valore di volere.

( la canzone consigliata per la lettura di questo è 🙂 Oggi dovevo fare un sacco di cose. Mi sono ritrovato invece tuffato in un tavolo di un locale spartano in Roman Road in mezzo[…]

Continua a leggere …

My dream in your drawer

Ero finito nel cassetto dell’ immondizia. Era tutto scuro. Lo ricordo come fosse oggi. Come scordare alla fine tale fantastica sensazione. Erano gli anni della periferia torinese quella dura, del prato di siringhe sotto casa[…]

Continua a leggere …

Fratello servo

Il sole scolorisce i manifesti ai muri, il tempo che si porta frasi e uomini all’oblio e il mare che si ingoia facce, danze e falsita’ e le risputa in una nuova identita’ Ricordare è[…]

Continua a leggere …